Nelle patologie corneali le lenti a contatto danno la possibilità di avere una protezione della cornea come nei casi di occhio secco severo, ma anche di ridurre le aberrazioni nei casi di cheratocono o degenerazione marginale pellucida in cui la curvatura corneale determina un astigmatismo di tipo irregolare. Le lenti a contatto offrono un’esperienza visiva priva di aberrazioni e quindi nettamente più nitida e definita anche di notte.

Post chirurgia
Nei pazienti sottoposti a chirurgia corneale è possibile che si sviluppi un astigmatismo di tipo irregolare, difficilmente correggibile con occhiali, che trova una soluzione grazie alle moderne geometrie di lenti a contatto .

nistagmo pac lenri a contatto semirigide

Nistagmo e PAC

L’utilizzo di lenti a contatto, solidali con il movimento oculare, consentono un’ottimale centratura della correzione ottica sull’asse visivo ed il miglioramento del campo visivo percepito, e sono quindi indicate come prima opzione correttiva ove possibile dei difetti rifrattivi associati a nistagmo.

Continua ...
Cheratocono

Cheratocono

Profilo corneale fisiologico – cheratocono Topografia corneale cheratocono bilaterale Il cheratocono è considerata una patologia sporadica, ed una minoranza di pazienti riferisce una storia familiare di ereditarietà. Il cheratocono si manifesta spesso in entrambi gli occhi ed è asimmetrico, più frequentemente diagnosticato nella seconda decade di vita.Il cheratocono è caratterizzato da una progressiva riduzione della…

Continua ...
strabismo

Strabismo

L’esotropia accomodativa o esotropia parzialmente accomodativa rifrattiva è spesso legata ad un ipermetropia di tipo assiale non corretta, questo implica un maggior “sforzo accomodativo” al fine di ottenere un’immagine a fuoco nonostante l’ipermetropia, causando uno strabismo di tipo convergente.

Continua ...